venerdì 22 aprile 2011

“StimolAzioni Musicali” di Osvaldo Contenti



Il carburante del mio motore artistico è da sempre un’attenta e dosata miscela di musica classica e/o moderna che accompagna in lieve sottofondo la mia attività pittorica. Ma col passare del tempo mi sono reso conto che il timbro e i colori di una data opera possono accordarsi non con tutte, ma solo con delle precise espressioni musicali, che quindi devo scegliere a monte, prima di dispormi dinanzi al cavalletto. Così, estraendo dei brani dalla mia amplissima raccolta di vinili e cd, ho masterizzato una ventina di diverse compilation atte a stimolare dei distinti momenti creativi. E la cosa funziona, Perché, ad esempio, un brano ad hoc degli U2, di Pino Daniele o di Patty Smith ben si accorda con una pittura potente e dai colori aggressivi, diversamente dai Pink Floyd, tramite i quali la mia inclinazione surrealista viene pienamente soddisfatta. Quando invece mi accingo a dipingere con passione e sentimento, ho assoluto bisogno di ascoltare Chopin o il più romantico Tchaikovsky, mentre per le composizioni a carattere onirico è quasi sempre Stravinskij a darmi una mano. Ma questi sono solo degli esempi, perché sono innumerevoli i musicartisti che da decenni mi regalano straordinarie stimolazioni musicali. Ed è a tutti loro che dedico, ringraziandoli, quest’opera che li rappresenta come luccicanti esserini produci-sinapsi, senza i quali i miei colori non sarebbero “udibili”.

3 commenti:

  1. Musica: stargate fra l'archetipo fonte di opere d'arte e l'elaborazione del pittore.
    Musica: sottofondo che non urla ma suggerisce sommessameente al pittore da quali cassetti della sua anima estrarre colori, forme, concetti, proposte alla visualità dei fruitori d'arte.
    Musica: inizio sonoro, big bang di note che aiuta l'architetto a dar forma col pennello o con la china a pianeti denominati quadri che ruotano attorno alla sua stella.
    Musica: etereo oceano di emozioni da cui l'artista estrae pigmenti o creta da modellare e da assemblare per trasformarle in perle.
    Musica: riflessa in un dipinto la cui esplosione di luce rimanda alle note iniziali di un concerto.

    Ad Osvaldo, la mia musica colorata.

    Gian Contardo Colombari, 22 aprile 2011.

    RispondiElimina
  2. Gian, sei splendidamente unico. Grazie!

    RispondiElimina
  3. Grazie a te, mio "muso" ispiratore!

    RispondiElimina